Come il CFO di produzione può guidare l’industria 4.0

Informatica Service
 / 
Image

i CFO dell’industria manifatturiera stanno guardando oltre l’attuale crisi sanitaria per vedere come le loro organizzazioni possono stabilire una ripresa sostenibile approfittando della spinta dell’Industria 4.0. Dato che i senior finance leader hanno accesso sia ai dati di performance finanziaria che alle proiezioni, le loro valutazioni sull’impatto di COVID-19 e su quanto durerà il suo impatto sono eloquenti.

 

Superare il  post pandemia

Quando si è chiesto ai CFO come se la sono cavata le loro aziende durante la pandemia, il 47% delle aziende manifatturiere globali intervistate ha indicato che la loro azienda se l’è cavata bene.

Inoltre, le aziende che hanno avuto la capacità di aumentare le loro attività digitali esistenti e di adattarsi a modelli di e-Commerce hanno anche ottenuto risultati ancora migliore. Un ulteriore 30% si aspetta di tornare alle condizioni commerciali pre-pandemiche entro la fine del 2° trimestre 2021.

I livelli di ottimismo scoperti dalla ricerca suggeriscono che i CFO, che sono sempre più responsabili della gestione del rischio nelle loro organizzazioni, ora vedono la COVID-19 come gestibile in un contesto aziendale, piuttosto che terminale.

 

La prossima mossa

 

Mentre alcuni paesi sembrano essere in difficoltà quando si tratta di strategie di uscita dalla pandemia e pacchetti di stimolo, i CFO dell’industria manifatturiera stanno invece trovando strade alternative che permettano la ripresa soprattutto grazie a gli strumenti offerti dal digitale tra cui i software gestionali

Le aziende hanno quindi capito che per superare le interruzioni della catena di approvvigionamento, le loro operazioni commerciali devono considerare un approccio diverso per garantire la resilienza della catena di approvvigionamento. Il sistema globale sta cambiando. Anche la libera circolazione del capitale umano è ora molto più limitata, l’aggiornamento della forza lavoro locale sta diventando più fattibile dell’importazione di talenti dai mercati internazionali.

Qui, le soluzioni tecnologiche costruite dall’industria forniranno funzionalità specifiche per i produttori e i distributori per ottimizzare e semplificare le operazioni, rimanere aggiornati e in controllo. Non sorprende che il rapporto riveli anche le mutevoli priorità di investimento per i CFO che sono direttamente allineate con un movimento accelerato verso l’Industria 4.0.

 

Il futuro appartiene ai CFO

 

Mentre la tragedia umana della pandemia non può essere trascurata, COVID-19 rappresenta un’opportunità unica per resettare il settore manifatturiero. La nostra indagine ha rivelato che il CFO giocherà un ruolo cruciale in questa transizione.

Da recenti indagini oltre il 52% delle aziende ha identificato l’investimento nella tecnologia aziendale come ERP, BI e CRM come un’area di attenzione strategica chiave. Lo studio ha continuato a rivelare che il 44% ha individuato il magazzino e l’automazione avanzata dei processi di produzione come un’area chiave di attenzione.

In definitiva, l’adozione di queste tecnologie dell’Industria 4.0 sarà guidata dai CFO mentre crescono nei ruoli ampliati definiti dal “CFO 4.0”. E saranno sempre più responsabili non solo della funzione finanziaria, ma della tecnologia e delle questioni relative al personale, compreso l’aggiornamento della forza lavoro.

Senza dubbio, la prossima normalità appartiene ai CFO; la loro importanza come decisori strategici aumenterà e con il ruolo ampliato delineato dal CFO 4.0 arriveranno maggiori responsabilità e maggiore influenza. In breve, i CFO del settore manifatturiero dovranno assicurarsi di condurre e guidare le loro organizzazioni attraverso le acque inesplorate che li attendono.