Come l’ERP può supportare pratiche sostenibili

Informatica Service
 / 
Image

Nel 2020, in mezzo alla pandemia, Nike ha spinto la sostenibilità producendo la sua scarpa più ecologica fino ad oggi.

La pandemia ha anche introdotto un nuovo problema, con l’aumento dei DPI e delle maschere pandemiche monouso. In Australia, le maschere vengono convertite in materiale stradale e negli Stati Uniti, i dispositivi di protezione vengono riciclati in panchine.

Anche altre industrie stanno trovando modi innovativi per partecipare all’economia circolare. Alcune stanno studiando i benefici dell’estensione della vita del prodotto, con l’obiettivo di massimizzare il tasso di utilizzo e la durata di un prodotto. Pensate al valore di non dover sostituire il vostro cellulare ogni due anni, o al fatto che ci vogliono 2.700 litri di acqua per produrre abbastanza cotone per fare una camicia di cotone.
La realtà è che c’è una pressione crescente per le aziende a considerare la loro impronta ambientale.

Secondo il World Economic Forum, con meno di 10 anni per evitare che il riscaldamento globale superi 1,5˚C, è fondamentale riunire i leader dell’industria, del governo e della società civile per spostare l’economia globale in modo più aggressivo verso la circolarità.

Mentre il mondo celebra la Giornata dell’ambiente il 5 giugno, i produttori hanno l’opportunità di riesaminare e riconfigurare le loro operazioni per una maggiore sostenibilità.

Ecco come un ERP può sostenere l’ economia circolare

Assicurare il controllo controllando la distinta dei materiali (BOM)

Per incorporare materiali riciclati in un processo di produzione, i produttori dovrebbero avere visibilità sulla loro distinta dei materiali o BOM. L’ERP fornisce il pieno controllo della quantità, della qualità, del costo dei materiali e può persino aiutare le aziende a tracciare e segnalare la percentuale di materie prime che compongono il prodotto finale. Questo a sua volta riduce i carichi inutili sul sistema, riducendo gli sprechi.

Riduzione degli sprechi attraverso la comprensione dei requisiti dei materiali

Lo spreco può essere ridotto, semplicemente comprendendo quali scorte sono disponibili prima dell’inizio della produzione e quali articoli e quantità sono necessari per il processo di produzione.
Questo può essere ottenuto utilizzando la pianificazione dei requisiti dei materiali (MRP) all’interno della vostra soluzione ERP. MRP aiuta i produttori e i distributori ad automatizzare il processo di gestione dell’equilibrio tra la fornitura di materiali e la domanda di prodotti e servizi.

Registrazione e tracciamento delle scorte eccessive o scadute

I produttori devono avere visibilità sulle scorte eccessive e sulle date di scadenza. È qui che un sistema di gestione dell’inventario è vantaggioso in quanto registra e traccia questi criteri. Integrandosi con IoT e sensori per i dati in tempo reale, i produttori possono essere sicuri che lo stock possa essere immagazzinato in modo appropriato e consumato prima che raggiunga la sua data di scadenza.

Connettersi direttamente con i fornitori

Una migliore collaborazione con i fornitori è la chiave per garantire l’inclusione di materiali riciclati. Con una capacità automatizzata di richiesta d’offerta, si può facilmente invitare i fornitori esistenti e nuovi a includere articoli riutilizzati o riciclati nelle loro offerte.

 

In definitiva, l’ERP fornisce i processi e gli strumenti per gestire i livelli di scorte per ridurre gli sprechi, e la capacità di incorporare materiali riciclati per garantire la partecipazione a lungo termine all’economia circolare. La sostenibilità è un chiaro punto di vendita per il consumatore finale e le aziende che stanno diventando verdi ne stanno raccogliendo i frutti.

 

 

https://informaticaservice.eu/software-erp/

https://passepartout.net/software/imprese